Izivibe …e lo smartphone cambia utilizzo

Izivibe …e lo smartphone cambia utilizzo

Ormai quell’accessorio che teniamo sempre addosso o comunque al nostro fianco chiamato smartphone è diventato negli anni un nostro caro amico di cui non possiamo farne assolutamente a meno.

Se prima (quando si chiamava solo cellulare) lo utilizzavamo solo per fare delle semplici chiamate, negli anni è diventato anche macchina fotografica e pian piano sta prendendo sempre più le sembianze di un vero computer con dimensioni che crescono a dismisura (con l’approvazione di chi l’acquista) ed un collegamento ad internet sempre più veloce.

Da qui l’idea di utilizzare una vecchia funzione come quella della vibrazione per farci un oggetto erotico utile per le donne ..e non solo.

Ebbene si, sebbene si sia sempre scherzato sul fatto che le donne potessero usare la vibrazione del cellulare per procurarsi piacere ora sono state prese in parola.

Per il momento, Izivibe è solo un prototipo in cerca di finanziamenti, ma se si trovassero i fondi entrerebbe nel mercato già nei primi mesi del 2016.

Ma che cos’è nello specifico e come funziona?

Izivive, non è altro che una sorta di custodia che può essere aggiunta al proprio smartphone, che nella parte alta presenta una forma di dildo in silicone protetto da una particolare membrana contro i batteri, che come ben avete capito potrà essere inserito in vagina o nell’ano secondo i propri gusti.

La novità però non finisce qui, perché dietro questo c’è una vera applicazione installabile sul cellulare che con programmi diversi può allettare a piacimento le proprie serate in modo sempre differente.

Idea semplice ma probabilmente anche efficace, che con non moltissimi soldi potrebbe trovare un giusto riscontro nei Sex Toys.

Chi vedremmo molto bene nell’utilizzare questo oggetto è la escort di Torino di nome Valentina, chissà se capite il perché?

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata