In Gran Bretagna si discute di sesso e matrimonio con robot

In Gran Bretagna si discute di sesso e matrimonio con robot

All’Università di Salford si è tenuto in questi giorni la prima conferenza a livello mondiale sul sesso e robot.

Il fatto stesso di parlarne, ne fa capire l’imminente ascesa a tutti i livelli di questi nuovi esseri che qualcuno definisce addirittura pensanti.

Da tempo si parla di bambole sempre più somiglianti a esseri umani, prodotte con materiali innovativi sempre più simili alla pelle umana, ma ora si va ben oltre, perché si vuole dotare le stesse bambole di una intelligenza artificiale che ne governa il pensiero e gli arti.

La conferenza ha valuto valutarne tutti i campi di applicazione, soppesando problematiche e opportunità.

Alcuni studiosi ( psicologi, sessuologi, etc ) hanno visto l’opportunità dell’utilizzo di questi robot per persone con vari problemi fisici e psichici, altri hanno pensato a dei veri bordelli futuristici, per ridurre la prostituzione e diminuire il rischio di malattie infettive.

Di controparte una folta schiera di personaggi presenti, hanno espresso perplessità sull’ utilizzo dei robot a scopo di sesso, perché potrebbero generare una deviazione sull’individuo che tenderebbe ad escludere il rapporto con esseri umani del sesso opposto.

Chi può dire dove sia la ragione?

Certo che non ci vediamo proprio a commentare una escort cibernetica; per cui per ora non ci pensiamo e godiamoci ancora della bella gnocca in carne ed ossa originale come questa stupenda escort di Milano di nome Livia.

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata